Amsterdam – Il buonumore della competitività

Mi trovo momentaneamente dall’altra parte della classifica, tra il 1° (Utrecht) e il 6° (Amsterdam) posto, e sapete che vi dico? Che il bello di questa famosa competitività è che è lenta, paciosa, tranquilla. Tutti di buonumore, sorridenti. Prima delle 10 di mattina non succede niente, e la sera si fa tardi. Siamo noi, quelli degli ultimi posti (la Campania, per dire, è al 217° posto su 262, se non sbaglio), ad essere tristi, nervosi, accidiosi. Siamo già per strada di prima mattina e la sera le nostre città sono deserte. Ma perché non ce la regaliamo pure noi un po’, anche solo un po’, di questa benedetta competitività? Guardate, conviene. Si vive meglio.